SONATE BACH. Di fronte al dolore dell’umanità

Attimi di silenzio e di riflessione interrotti improvvisamente dall’immensa musica di Bach. Siamo a CanGo, a Firenze, culla del Rinascimento, e stiamo assistendo a Sonate Bach. Di fronte al dolore degli altri, lavoro di Virgilio Sieni composto da undici coreografie per tre sonate di viola da gamba e pianoforte di J.S. Bach.

Sonate Bach 3

I nostri occhi “rivedono” le stragi e i genocidi della nostra epoca, tutte concentrate nelle ultime due decadi: undici date che rispecchiano i detriti di un’esistenza trascurata, un ricordo smisurato delle atrocità che ci circondano.

 

Sonata No.1 G-durBWV1027

                                                                                           
1 JENIN, 3 aprile 2002 Adagio
2 SARAJEVO, 5 febbraio 1994 Allegro ma non tanto
3 KABUL, 5 marzo 2007 Andante
4 TEL AVIV, 1 giugno 2001 Allegro moderato
 

 

Sonata No.2 D-dur BWV 1028

5 SREBRENICA, 11 luglio 1995  

Adagio

6 ISTANBUL, 15 novembre 2003 Allegro
7 GAZA, 6 luglio 2006 Andante
8 BESLAN, 1>3 settembre 2004 Allegro
Sonata No.3 g-moll BWV 1029
9 BAGHDAD, 20 Marzo 2003  

Vivace

10 BENTALHA, 23 settembre 1997 Adagio
11 RWANDA>KIGALI, 7 aprile 1994 Allegro

 

A intraprendere questo viaggio verso il dolore, è Ramona Caia, seguita da Giulia Mureddu, Jari Boldrini e Nicola Cisternino. Quattro corpi, quattro figure che colpiscono dritti al cuore.

Sonate Bach 1

Quando il movimento è lento, la postura si blocca e in pochi attimi viene sovrastata da un lacerante richiamo alla tortura dell’umanità che non ha mai smesso di piangere. I danzatori si accasciano, si sorreggono, si allontanano e si avvicinano, componendo linee che vanno a dissolversi. Corpi sovrapposti, lacerati e abbandonati, riportano a galla immagini crude, ma allo stesso tempo sublimi. Un lavoro coreografico complesso alla ricerca di una bellezza sepolta tra le macerie, un’organicità che attinge alle deposizioni e alle pietà della pittura sacra che va a terminare con la sepoltura degli interpreti. Una memoria drammatica, una tragedia che prende voce ancora una volta dalla pittura e viene mescolata con la storia, passata e tutt’ora presente.

 

Valentina Fiori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...