LA DANZA IN ESODO DI VIRGILIO SIENI APPRODA A SAN SALVI

La quinta tappa di CENACOLI FIORENTINI_Grande adagio popolare debutta domani e venerdì sera sotto l’Ultima Cena di Andrea del Sarto. Per entrambe le serate sono tre le repliche in programma: alle 20, alle 21 e alle 22.

foto esodo 5 presentazione

Azione coreografica inedita, in dialogo con il Cenacolo e con l’affresco che contiene, Esodo#5 è una grande azione corale interpretata da ventisette persone di tutte le età suddivise in due gruppi, ciascuno con una diversa partitura fisica.
Entrambi i gruppi – uno di Firenze e l’altro di Poggibonsi – si ritrovano separatamente da almeno due mesi per allenare quella memoria del corpo necessaria a eseguire le azioni che Virgilio Sieni ha costruito in base alle possibilità motorie dei singoli partecipanti. I due gruppi si incontreranno per la prima volta domani a San Salvi per la prova generale.

Le prove del gruppo fiorentino si svolgono a Cango, dove Giulia Mureddu, assistente alla coreografia insieme a Maurizio Giunti, accoglie gli interpreti.Pian piano vediamo ricompattarsi un gruppo tanto eterogeneo quanto affiatato, capace di restituire a gesti e movimenti quotidiani – camminare, cadere, rialzarsi – un’attenzione nuova e desueta. Giulia Mureddu invita tutti a sfruttare ogni muscolo coinvolto nell’azione e a incanalare le energie per sviluppare una consapevolezza che permetta a ognuno di usare in maniera inedita il proprio corpo.foto esodo presentazione 2 Così ogni passo, ogni sosta, ogni figura originata dal congiungersi di diversi movimenti, ogni singolo gesto è investito di un significato originale e riempito di forza. In questo “tornare a sentire” il proprio corpo, a sperimentarlo in relazione allo spazio e all’altro, la dimensione di gruppo è fondamentale: ognuno è riferimento per l’altro, misura comune per scandire il tempo e l’azione. Attraverso la vista e il tatto si crea un rapporto di fiducia che permette, sia ai giovani che agli anziani, di sostenere il compagno e dargli il giusto supporto. Così, all’interno di una modalità di creazione dinamica e in continua evoluzione, il confronto, la partecipazione e l’ascolto reciproco diventano i valori fondanti di una piccola comunità che si appresta a raggiungere San Salvi con la consapevolezza di aver già intrapreso un altro cammino: l’esodo da se stessi nella coralità.

foto_Daniela Colamartini

Daniela Colamartini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...