BALLO 1890: Virgilio Sieni al Vie Festival 2016

Un imbuto capovolto, vasi, ciotole, bottiglie e tazze sono gli oggetti che a prima vista l’occhio osserva quando si trova davanti a un quadro di Giorgio Morandi, il pittore del Novecento che con le sue nature morte e i sui paesaggi ha lasciato un segno nell’arte contemporanea. Oggetti che messi su un piano orizzontale, quasi sempre un tavolo, sono allineati, messi in fila e in successione. Le composizioni dell’artista sebbene a prima vista sembrino simili, in realtà divergono in tante piccole variazioni ed è con questa idea che Virgilio Sieni crea Ballo 1890_Natura Morta, inserito all’interno del Vie Festival 2016 di ERT-Emilia Romagna Teatro Fondazione, con debutto  il 15 ottobre alle ore 21.30 e replica il 16 ottobre alle ore 19.30, al Teatro Storchi di Modena.

Come dice il coreografo «Con l’ERT conduciamo ormai da  5 anni un percorso partito con la Corale Savani di Carpi, che coinvolge moltissimi cittadini. Dopo tutti questi anni gli amatori, non voglio dire che siano diventati dei professionisti, ma sicuramente hanno sviluppato una loro autonomia nella gestione dello spazio estremamente inedita e innovativa; è un manifesto, un atlante di incrinature, debolezze, fragilità, tutto però portato in una forma consapevole di aiuto reciproco.»

ballo1890_natura-morta

Ballo 1890_Natura Morta

I protagonisti in scena infatti saranno circa 100 e andranno a creare una comunità di cittadini di età compresa tra gli 11 e gli 80 anni. Gli interpreti, predisposti in 7 file composte da 6 persone ciascuna, sono danzatori non professionisti, studenti, disoccupati, architetti, ecc…alcuni dei quali già conosciuti in altri lavori del coreografo (ricordiamo infatti Cena Pasolini e Brevi danze giovanili presentato al Vie Festival del 2015, portato poi in Cina). Assieme a loro saranno presenti i componenti della Corale G. Savani diretti dal maestro Giampaolo Violi: le loro inconfondibili voci faranno da tessuto sonoro alle fragmentazioni del movimento, ai cedimenti delle articolazioni e alla proliferazione del gesto.

«La Corale svolge un lavoro di tipo musicale e partecipa in maniera perimetrale, mentre i 42 interpreti  saranno all’interno di un’azione coreografica continua, andando a creare un discorso di incrinature, volumi, masse, tutto giocato sulla loro capacità percettiva tratta dagli sguardi e dalla vicinanza»

natura-morta

Giorgio Morandi, Natura Morta, 1929

In Morandi particolare importanza riveste la luce e la polvere che si sedimenta sugli oggetti, dando luogo alla differenziazione tra un quadro e l’altro.

«Ballo 1890 riporta la data di nascita di Giorgio Morandi e di fatto il lavoro richiama immediatamente tutto un discorso legato all’emergere della pittura attraverso uno studio della luce e della forma»

In Sieni, invece, è il gioco di spazio e tempo che crea questa a-sincronia tra una fila e l’altra. L’azione di una fila viene ripetuta con diverse variazioni da quella successiva, dando vita a un movimento che si dirama, si alza e si abbassa, che si allunga e si disarticola nelle differenti azioni di cui è capace il corpo umano e il suo linguaggio. La creazione di volumi dialoga in un continuum di vuoti e aperture, di vicinanza e rotazioni corporee di ginocchia, piedi, gomiti che si appoggiano lievemente uno sopra l’altro richiamando l’idea di un adagio polveroso e magmatico che in Morandi è ciò che ricopre gli oggetti da lui disegnati.

Ballo 1890  andrà in scena anche al MAMbo di Bologna dove è presente il Museo Morandi. Dato il cambiamento del luogo anche la coreografia verrà modificata.

«Al MAMbo non c’è palcoscenico, lo spazio è orizzontale per questo verranno cambiate alcune cose; ad esempio il pubblico sarà tutto intorno alla scena, non più frontale. In questo caso, proprio la dimensione specifica dello spazio crea la grande opportunità di far sì che un progetto del genere diventi un lavoro totale sui linguaggi del corpo.»

La presentazione è prevista nelle date  27-28-29 dicembre 2016.

CREDITS
regia e coreografia Virgilio Sieni
musica eseguita dal vivo dalla Corale G. Savani
direttore Giampaolo Violi

coristi: Arianna Agnoletto, Pietro Baldelli, Iolanda Battini, Lorella Begatti, Elena Benati, Sara Bertani, Lara Bertesi, Stefanina Biagini, Giovanna Bianco, Angela Bisi, Antonella Bolognesi, Barbara Bonini, Daniela Bonini, Lorella Borghi, Isa Caiumi, Antonella Cimino, Giorgia Cotza, Paola Cremaschi, Leocadia De Luca, Stefano Facchini, Emilio Ferrari, Franco Ferrari, Anna Ganzerli, Giovanna Gavioli, Silvia Gialdi, Carlo Giorgio, Franca Giovanardi, Corrado Gualdi, Stefania Iannaccone, Enrico Lugli, Loretta Lusetti, Clemente Mai, Guido Malagoli, Mirco Malaguti, Gianni Monari, Manuela Palmieri, Maria Grazia Percorari, Licia Pongiluppi, Giovanni Provesi, Anna Raimondi, Claudia Retteghieri, Lidia Rovatti, Elena Rustichelli, Osanna Sacchi, Antonia Serino, Carlo Alberto Setti, William Stefani, Andrea Tiraboschi, Goffredo Togliani, Giorgio Turrini, Mariavittoria Vecchi, Enrica Zironi

interpreti: Francesca Antonino, Anna Luigia Autiero, Samuele Baschieri, Lorenza Bellandi, Gabriella Bernardi, Camilla Casadei Maldini, Silvia Caselli, Marta Cellamare, Paolo Luigi Cervigni, Deborah Chiaramonte, Rossella Daolio, Antonella Delli Carri, Mariateresa Diomedes, Sara Fulco, Barbara Garzelli, Gianfranco Giannerini, Margherita Giovannini, Antonino Giunta, Camilla Guarino, Valeria La Corte, Kseniia Maksimova, Elena Marchi, Vito Melita, Francesca Mengozzi, Giuseppe Messina, Giuseppina Monaco, Lea Oppenheim, Rita Pattuelli, Arianna Proietto O Sansone, Serena Saba, Francesco Schiano Di Cola, Maria Elena Seidenari, Pasqualina Siotto, Milvia Stefani, Elisa Tinti, Maria Tusino, Barbara Vagnozzi, Werther Ventura, Uliano Vescovini, Anna Maria Volta, Antonella Zimari, Lucia Zoccoletto

assistenti al progetto: Gaia Germanà, Daina Pignatti

produzione: Emilia Romagna Teatro Fondazione, Compagnia Virgilio Sieni/Accademia sull’Arte del Gesto
ospitalità: LAMINARIE/DOM la cupola del Pilastro Bologna nell’ambito del progetto interregionale di residenze artistiche
realizzato con il contributo di Regione Emilia-Romagna
si ringrazia: Franca Zagatti/Mousiké

Durata 50′
Prima assoluta

Sara Fulco

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...