LA MER di Virgilio Sieni arriva a Cango

Debuttata in prima assoluta nel febbraio 2016 a Lugano e successivamente a Ravello, La Mer di Virgilio Sieni arriva in una nuova versione a Firenze, presso Cango Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza- come ultimo appuntamento a chiusura del Festival La democrazia del corpo. Da stasera a venerdì 30 dicembre alle ore 21 le sei danzatrici presenti in scena indagheranno il movimento e la sua proliferazione dinamica nello spazio sulla musica impressionista di Claude Debussy composta nel 1905. La coreografia si fonda non solo su una indeterminatezza del gesto, ma anche su ciò che riguarda il senso del respiro, di risacca, ovvero del movimento di andata e di ritorno caratteristico della corrente marina in un flusso energetico inarrestabile.

la-mer-2-fullsizerender

In questo lavoro Virgilio Sieni ha ricercato «le stratificazioni del corpo, che è al tempo stesso macerie e origine, fonte e memoria del gesto» cercando gli smarginamenti che permettono al movimento di trasformarsi continuamente.
Il fluire della musica di Debussy crea un’intensa esperienza sensoriale che rievoca il mondo marino in un
continuo scorrimento musicale indistinto, costante, articolato in modo indipendente da ogni imposizione formale. Questo fluire indeterminato è simboleggiato anche da La grande onda di Kanagawa di Hokusai che il compositore francese scelse per la copertina della sua prima edizione de La Mer. Debussy non sceglie di riprodurre fedelmente l’immagine, ma la rivisita semplificando le linee del disegno fino all’astrazione  in modo da stimolare l’immaginazione di chi la osserva.

la-mer-jpg-web

Così la ripetitività del movimento lineare delle danzatrici, alterato da piccole variazioni e cedimenti, crea diverse possibilità di sviluppo dinamico del gesto, come rivoli d’acqua che escono dal proprio percorso.
In questa edizione fiorentina lo spettacolo sarà introdotto da un sestetto di donne over 60 frequentatrici dell’Accademia sull’arte del gesto che verranno guidate dallo stesso coreografo in una ricca trama di movimenti. Un lavoro incentrato sulla frammentazione e la fragilità del corpo, sull’incrinatura del movimento allo stesso tempo forte e potente, nella ricerca di un flusso comune che si comporrà direttamente davanti agli spettatori.

Marta Sbranti 

CREDITS
Coreografia e regia: Virgilio Sieni
Musica: Claude Debussy
Interpreti: Claudia Caldarano, Luna Cenere, Luisa Cortesi, Marina Giovannini, Lisa Labatut, Giulia Mureddu
Durata: 25’
Produzione: Compagnia Virgilio Sieni
Collaborazione alla produzione: LuganoInScena / Ravello Festival

Per info e prenotazioni: Tel. 055 2280525 – biglietteria@virgiliosieni.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...