Nuovi Cantieri Culturali Isolotto 22>24 settembre

La periferia intesa come un hortus prezioso da curare, spazio di ricerca necessario nei processi culturali della città. Questa la premessa di base di Nuovi Cantieri Culturali Isolotto, il progetto ideato da Virgilio Sieni per il quartiere dell’Isolotto, che avrà luogo dal 22 al 24 settembre 2017.

21272520_1563483857036732_9165701468459894708_n

Nuovi Cantieri Culturali Isolotto è un progetto pilota sulla centralità culturale delle periferie che guarda alla comunità quale fonte di energia per i linguaggi contemporanei. La scelta dell’Isolotto – come afferma Virgilio Sieni – sta proprio nell’importanza data dal quartiere al concetto di comunità:

«Il Quartiere dell’Isolotto, metafora di tutti i territori che si intrecciano e mischiano eliminando ogni delimitazione o barricata, è un luogo che ha creato nel tempo un incrocio di sedimentazioni e culture capace di generare bellezza e partecipazione attraverso il concetto di comunità, di luogo comune: rinnovare il senso di appartenenza e divenire custodi attivi del territorio e della vita sociale.»

 IMG_7474

Ogni giorno, dal 22 al 24 settembre, una parte dell’Isolotto “Vecchio” – Piazza dei Tigli, Viale dei Bambini, Lungarno dei Pioppi, Giardini della Montagnola, Piazzetta del Salice, via Lippi Memmi, via dei Rododendri, Piazza dell’Isolotto e aree circostanti – sarà protagonista di un cammino a tappe nel verde cittadino, scandito da azioni coreografiche, letture poetiche, cori, azioni musicali, performance, lezioni aperte, incontri e laboratori, che si propone in stretta relazione con gli alberi presenti nel quartiere.

Viale d'oro

Venerdì 22 settembre alle ore 18.30, il Festival si apre con l’inaugurazione di un Viale d’oro ­– il sentiero che congiunge piazza dei Tigli alla passerella della Montagnola –; 65 metri di foglia d’oro (fornita da Giusto Manetti Battiloro s.p.a.), verranno stesi sul selciato creando un’istallazione che accompagnerà questi tre giorni come meta fiabesca di adulti e bambini.

Ogni giorno gli eventi proposti si articolano in un cammino a più tappe che comprende performance, azioni coreografiche, poesie, danzette, inaugurazioni di gallerie:

  • AZIONI COREOGRAFICHE PER SALVARE E RIPIANTARE ALBERI. Sei gruppi di cittadini e danzatori – coinvolti da aprile in un laboratorio sul gesto – daranno vita a sei azioni coreografiche ideate da Virgilio Sieni (in collaborazione con Giulia Mureddu, Maurizio Giunti, Claudia Caldarano e Agnese Lanza) create e costruite sull’atto – reale – di ripiantare e salvare alberi. Nel viale dei Bambini si è scelto di ripiantare 1 Ippocastano (sabato 24 alle 19.30) e di salvare piccole pianticelle di un Olmo che sta morendo (sabato 24 alle 18.30); saranno piantati 3 Pioppi su Lungarno dei Pioppi (venerdì 22 alle 19.00) e 4 piante di Pazienza nel giardino dell’Ippocastano in via Lippo Memmi (domenica 24 alle 11.30).
  • CICLO DI DANZETTE. Naomi Berrill, in collaborazione con l’Accademia sull’arte del gesto, ha dato vita a un Ciclo di Danzette, come risultato di un laboratorio di canto e gesto che coinvolge famiglie originarie da varie parti del mondo (Tunisia, Marocco, Polinia, Albania, Libano), residenti nel quartiere.
  • CICLO DI POESIE. Il laboratorio di Mappatura poetica condotto dalla poetessa Elisa Biagini ha realizzato un ciclo di poesie ispirate alla natura e alla memoria del quartiere, che verranno recitate nel corso dei tre giorni dell’evento.
  • CORO RITMICO. In collaborazione con SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE (a cura di Umy Carroy Niane), alcuni giovani e giovanissimi hanno condotto un’esperienza sul ritmo e il gesto, utilizzando il corpo come strumento.
  • PROGETTO RESIDENZE. Tre giovani coreografe – Annamaria Ajmone, Claudia Caldarano, Claudia Catarzi – condurranno una breve residenza creativa site specific con una restituzione aperta al pubblico.
  • SOLI E DUETTI NOTTURNI. All’interno dei camminamenti proposti al pubblico vi saranno anche dei Soli e Duetti di coreografi e danzatori che, all’imbrunire, tessono un dialogo tra corpo e natura: Jari Boldrini, Giulia Mureddu, Maurizio Giunti, Noemi Biancotti e Linda Pierucci.
  • INCONTRI. Maria Antonia Rinaldi, storica dell’arte, propone alla Galleria dell’Isolotto tre incontri per tracciare un breve excursus sulla pittura di paesaggio: La grande zolla di Dürer (sabato 23 alle 11.00), Le Jardinier Vallier di Paul Cezanne (sabato 23 alle 17.00), Spiral di Richard Long (domenica 24 alle 16.30).
  • LEZIONI SUL GESTO E SUL CAMMINARE. Verranno realizzate delle lezioni all’aperto rivolte a tutti i cittadini, a cura di Virgilio Sieni.
    Domenica 24 / 10.00, 10.30, 11.00 – Esercizi sul gesto
    15.30 – lezioni sul Camminare

Esercizi sul gesto

  • LABORATORIO HORTUS. Un percorso rivolto a danzatori e performer condotto da Virgilio Sieni e il botanico Paolo Basetti (su prenotazione). Un confronto su corpo, gesto, natura e botanica. Restituzione pubblica: viale dei Bambini, sabato 23 alle 16.30
  • PRANZO POPOLARE. Domenica 24, viale dei Bambini, alle 13.00. Una pausa di condivisione a base di prodotti biologici – a cura del ristorante Un Punto Macrobiotico (su prenotazione 10 €), alla quale possono partecipare tutti, artisti, ospiti, interpreti, cittadini.
  • CAMMINO POPOLARE. Piazza dell’Isolotto, alle 18.00. Evento finale, con musica dal vivo al violoncello di Naomi Berrill, riunisce tutti i partecipanti in una performance collettiva.
  • VIDEO SCUOLA ELEMENTARE. Sabato 23 alle 20.40, Cappella di santa Maria della Querce. Proiezione del video realizzato dalle classi IV della Scuola Primaria dell’I.C. Montagnola. I bambini reinterpretano posture e gesti dei personaggi affrescati da Paolo Schiavo nella quattrocentesca Cappella di Santa Maria della Querce in via Palazzo Diavoli.
  • MEMORIA ISOLOTTO. Domenica 24 10.00 > 20.00, Ex Baracche Verdi, via degli Aceri, 1.
    Mostra fotografica-documentaria che ripercorre la storia dell’isolotto, a cura della Comunità dell’Isolotto
  • Galleria Isolotto. Piazza dei Tigli, inaugurazione venerdì 22 alle 21.00.
    Incastonata tra una bottega di alimentari e un bar, è articolata in due spazi: “Ortolano” – che ospiterà due grandi opere di Giacomo Piussi – e “Macelleria” – che accoglie due cicli di opere fotografiche di Giulia Del Sorbo e Sofia Leone, a cura della Fondazione Studio Marangoni – in riferimento alle attività che vi si svolgevano in passato.
  • SPAZIO ARTE SALICE. Piazzetta del Salice, inaugurazione sabato 23 alle 21.00
    Lo spazio, grazie alla collaborazione con CNGEI, Associazione Scout laica, propone per l’inaugurazione una Grande Mano (gonfiabile, opera prodotta per lo spettacolo La natura delle cose di Virgilio Sieni) che fuoriuscirà dallo spazio per aprirsi all’esterno.

QUI IL PROGRAMMA DETTAGLIATO DELL’EVENTO, completo di mappe.

INFO: Tel. 055 2280525 |  www.virgiliosieni.it

Virgilio Sieni | Centro nazionale di produzione sui linguaggi del corpo e della danza

info@virgiliosieni.it
accademia@virgiliosieni.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...