LA CITTADINZANZA DEL CORPO_MANTOVA

Una nuova creazione del Centro di produzione sui linguaggi del corpo e della danza diretto da Virgilio Sieni quella che verrà presentata in prima assoluta il 21 e 22 Luglio presso Palazzo Te di Mantova, Capitale Italiana della Cultura 2106. Il progetto, ci racconta Stefano Baia Curioni, presidente del Centro Internazionale d’Arte e Cultura Palazzo Te, nasce da un comitato multidisciplinare, con una proposta di Umberto Angelini, membro del Comitato Scientifico di Centro Palazzo Te, ed è una produzione del Centro Internazionale d’Arte e di Cultura di Palazzo Te con il Museo Civico di Palazzo Te e la Compagnia Virgilio Sieni.

La cittadinanza del corpo_Mantova_01_ph.Graziano Menegazzo

ph. Graziano Menegazzo

«L’idea – continua il presidente – è che il Centro Internazionale d’Arte si inserisca a Palazzo Te insieme al Museo Civico. Abbiamo posto come base due compiti fondamentali: per primo la valorizzazione del patrimonio con metodi diversi, e attraverso varie discipline e sperimentazioni; l’altro, non meno importante, il compito di produzione. Entrambi si connettono con un tema più ampio e generale, ovvero il ripensamento della città di Mantova, che conosce molti problemi di transizione, come la disoccupazione giovanile, ma che subisce anche la competizione di altri centri importanti, come ad esempio Milano, condividendo il destino di diverse città medio piccole italiane, che sicuramente possiedono un grande valore culturale, ma che stentano a trovare le energie per ripensarsi. Da qui l’idea che questo lavoro sul patrimonio possa aiutare almeno in parte la città a ripensare se stessa. Il tema di quest’anno, come capitale della cultura 2016, è proprio La città come bene pubblico. È stato fatto un lavoro sui pittori mantovani, che ha visto il coinvolgimento attivo dei cittadini, attraverso narrazioni sul cambiamento di Mantova nel corso della storia, per poi andare a comporre una drammaturgia finale di accompagnamento alla mostra. In settembre ospiteremo un’esposizione fotografica con la collaborazione di 150 ragazzi dei licei proprio sul tema della città come bene pubblico, coinvolgendo associazioni che operano attivamente sul territorio. In questo quadro generale si va a inserire il lavoro creato da Virgilio Sieni, impreziosendo questo percorso come una gemma».

La cittadinanza del corpo_Mantova_04_ph.Graziano Menegazzo

ph. Graziano Menegazzo

Quattordici spazi, quelli utilizzati a Palazzo Te, che saranno scenario di altrettante azioni coreografiche create nel corso degli ultimi due mesi di prove dai cittadini di Mantova chiamati a partecipare a questo progetto. Interpreti di tutte le età si sono trovati ad abitare gli spazi della residenza estiva dei Gonzaga, creando un percorso che prevede una libera frequentazione da parte del pubblico che, accompagnato dalle note della musica dal vivo eseguita e composta dal percussionista Michele Rabbia, si muoverà seguendo il proprio tempo, componendo la propria personale regia. Una passeggiata tra intimi duetti, adagi e azioni di gruppo, tutte svolte in contemporanea, per confluire infine all’esterno, nel Cortile d’Onore, dove insieme ai danzatori della Compagnia Virgilio Sieni verrà composta l’azione finale.

«Sieni ha saputo mettere in relazione l’individuo con una nuova consapevolezza data dal rapporto con lo spazio, con l’altro, con il proprio corpo e con il patrimonio. Una sintesi perfetta del lavoro che stiamo facendo. Dal mio punto di vista è un’esperienza assolutamente trasformativa, il punto centrale su cui vanno a sintetizzarsi i nostri contributi».

La cittadinanza del corpo_Mantova_03_ph.Graziano Menegazzo

ph. Graziano Menegazzo

C’è stato un bando per i cittadini interpreti, qual è stata la loro risposta e che tipo di dialogo si è creato tra lo spazio e l’azione che lo abita?

«C’è stato una sorta di addomesticamento reciproco, uno spazio monumentale che sembrava irraggiungibile è diventato più domestico, vissuto dall’azione, il tutto in modo molto sperimentale, ma non troppo invasivo. Anche il progetto di Brian Eno è stato pensato un po’ in questa direzione: migliaia di visitatori sono stati seduti a lungo nello spazio, rivivendolo in un modo diverso, inusuale. Vedremo comunque come risponderà la città, che ha spesso un iniziale sentimento di incredulità verso i nuovi progetti; sono comunque sempre differenti pubblici quelli che vengono coinvolti, stiamo andando a toccare diversi componenti della popolazione. Molti dei partecipanti al progetto La Cittadinanza del Corpo sono in qualche modo implicati in attività coreografiche in modo più o meno professionale. C’è ancora molto lavoro da fare per coinvolgere le varie tipologie di pubblico, attraverso un percorso molto lento e paziente di ingegnerizzazione narrativa, per mettere in relazione il pubblico di Palazzo Te con quello interessato agli eventi ospitati nello specifico. Assistiamo oggi a un turismo con poche porosità, appartenente alla dimensione iconica, che si contraddistingue per una modalità dello sguardo che possiamo definire un po’ rigida. Quello che stiamo facendo ora è sollecitare altre forze nella città che possano aiutare questa trasformazione: prima si considerava Palazzo Te un posto unicamente per turisti, ma procedendo in questa direzione forse si potrà migliorare e arrivare a considerare il luogo come appartenente al cittadino, migliorando la qualità del turismo e di conseguenza anche l’economia urbana; stiamo preparando le condizioni per andare avanti in questa direzione».

a cura di Sara Arfanotti

Info e prenotazioni

La Cittadinanza del Corpo_Mantova
Giovedì 21 e venerdì 22 luglio ore 21.00 Palazzo te_Mantova

BIGLIETTERIA

T +39 0376 323266

Biglietti: Intero 12,00 EURO – Ridotto e cittadini residenti nel Comune di Mantova 8,00 EURO – Ridotto speciale 4,00 EURO

Per prenotazioni on line: http://www.vivaticket.it/

Nelle giornate di giovedì e venerdì avranno luogo due incontri a ingresso libero:

Giovedì 21 alle ore 19.30
ESERCIZI SUL GESTO Laboratorio con Virgilio Sieni e Giulia Mureddu

Venerdì 22 luglio alle ore 18.30
LA COMUNITÀ DEL GESTO SECONDO VIRGILIO SIENI
Virgilio Sieni conversa con Giancarlo Gaeta, storico del Cristianesimo

www.virgiliosieni.it

www.centropalazzote.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...